20 febbraio 2007

..Vittoria in rimonta....

Pol.castelnuovo C - Quintano = 2-1

reti: mazzoc,franco

Paolo 7: sicuro nelle uscite,salva il risultato con un guizzo smanacciando un insidioso colpo di testa a lato.Cassaforte

Doma 6,5:buon rientro dopo uno dei tanti infortuni,non commette troppi errori,sfiora il goal di testa su corner nella ripresa.

Gio 6,5:dalle sue parti non ci sono grossi pericoli,svolge il compito senza difficoltà,copre bene la posizione.

Dino 6: schierato titolare esegue gli ordini di scuderia,"le da e le prende",svirgola qualche pallone ma non molla mai.Fatica nel finale.

Mazzoc 7: gioca un tempo,segna la rete del momentaneo pareggio, "rischia" di segnare ancora subito dopo ma il portiere è bravo a neutralizzare il tiro.Crea pericoli continui sulla fascia,insomma abbiamo trovato un ruolo che fa per lui.

Nicola 6,5: spostato sulla fascia,effettua qualche buona giocata,salta l'uomo e scodella buoni palloni nel mezzo.Peccato non abbia l'autonomia per giocare più di un tempo.

Seba 7: gioca quasi da rifinitore, distribuisce caramelle sotto forma di assist che hanno le sembianze di inviti a nozze per gli attaccanti.Piace in regia,anche se fa poco filtro in mezzo al campo.La miglior partita della stagione.

Ale 6,5:falloso più del solito,becca anche un ammonizione,però da sostanza al centrocampo,anche noi abbiamo il nostro ambrosini.

Frenk 7,5: moto perpetuo,ogni volta che ha la palla tra i piedi punta la porta e si salvi chi può,sfiora in goal nel primo tempo con un azione personale da applausi,provoca il rigore che poi trasforma con freddezza.Una spina nel fianco continua per la difesa avversaria.Inoltre tira corner, punizioni. Gli mancava solo di pulire gli spogliatoi e chiudere la pierina.

Andrea 6: stavolta le occasioni le ha ma non le sfrutta a dovere.Entra nell'azione del primo goal,lotta ,sgomita,fa da sponda ma sotto porta ci si aspetta più freddezza.

Lika s.v.
Lester 6: entra nel secondo tempo per volere del presidente, sfiora il goal ma anche lui poco concreto.

Ivo 6: Sostituisce Nicola in fascia destra,non demerita ma con le sue accellerazioni poteva fare più male.

13 commenti:

fonto 69 ha detto...

X il gio: adesso vogliamo vedere l'articolo del regolamento dove dice che il dischetto del rigore non è collocato a 11 metri dalla porta.

Doma ha detto...

grandi ragazzi, il ritorno è partito bene!

Adesso sotto con le altre!

P.S. Il Lester è raccomandato!

meganoide ha detto...

bravi ragazzi una vittoria che impenna il morale e ci riporta sotto al quintano in classifica.

spettacolo ed emozioni.

oltre alla pagina del regolamento sopra citata attendiamo i commenti dei nostri giornalisti alla partita, giusto per non perdere l'abitudine di gasarci quando ne abbiamo l'occasione.

avanti così già da domenica.

ps. un ringraziamento personale a ivo.

Ale ha detto...

Che velocità nelle pagelle! Comunque grandissimi ragazzi, quella di ieri è stata soprattutto una vittoria di squadra! Siamo un ottimo complesso guidato da un centrocampo superlativo!
Nel girone di ritorno ci toglieremo parecchie soddisfazioni...

Ale ha detto...

Entro le 9:49 e ci sono già pagelle e 4 commenti. Squadra di fancazzisti o euforia per la vittoria?

Gio ha detto...

Dal sito della FIGC, sezione regolamento, regola numero 2: "all'interno di ciascuna area di rigore e' segnato il punto del calcio di rigore a m. 11 dalla linea di porta ed equidistante
dai pali".
Ringrazio Ale per la segnalazione.
Se il Frenk ha segnato, comunque, è anche grazie alle mie proteste.
Compito per settimana prossima, leggere il regolamento.

matteo ha detto...

vi aspettiamo alla Bombonera di Ombriano!
...potrei fare 5 minuti per segnare il Doma...

Ivo ha detto...

QUESTIONE DI METRI

Undici metri, nove e quindici, dieci e novantacinque. Due metri per qualcuno possono fare una gran differenza.
Tanto da voler scomodare regolamento, federazione e chipiùnehapiùnemetta.
Per qualcuno sono un'ottima occasione per continuare a protestare e dimenticarsi di giocare.
Per altri, per fortuna, rimangono una formalità.
E che piacere vedere quella sfera di cuoio rotolare beffarda in porta, proprio là, passando sotto le braccia di un portiere dalla maglia sgargiante.
Con la splendida vittoria in rimonta ottenuta tra le mura amiche a scapito dei rivali diretti del Quintano, il Castelnuovo "Chei da le Quade" conferma per l'ennesima volta di essere una squadra dal grande cuore, oltre che un fantastico gruppo.
Se dopo il girone d'andata addetti ai lavori e i soliti maligni li davano per spacciati, i ragazzi di mister Ghisoni grazie a questo esaltante 2-1 si rimettono in gioco alla grande, rendendosi capaci di un'impresa non da poco, di quelle che riescono a riconciliare con questo calcio malato e inquinato ormai soprattutto da interessi economico-politici.
Il ritorno inizia col sorriso e lascia emergere un'interessante statistica: i biancoverdi sin qui sono andati a punti con ogni concorrente diretta (vittoria contro il Rovereto, pareggio e appunto successo contro il Quintano).
Trovato il giusto assetto tattico, i cremaschi sembrano decisamente più solidi e compatti nelle retrovie e ordinati a centrocampo anche se, bisogna ammettere, le punte purchè generose vengono servite ancora troppo sporadicamente.
Ma i presupposti per far bene ci sono e l'occasione per confermarsi pure: domenica i ragazzi di Ghisoni sono attesi da un match delicato che li vedrà opposti ad una delle compagini meglio attrezzate del raggruppamento, ovvero l'Aurora Ombriano.
Staremo a vedere, nel frattempo è giusto godersi una vittoria sudata, cercata e meritata. Metro più o metro meno.

p.s.: grande Mazzoc, te l'avevo promessa e è stato un piacere.

Gio ha detto...

Signori, abbiamo Gianni Brera come ala destra e non ce ne eravamo mai accorti. Anche se in realtà la panza è la stessa...

Ivo ha detto...

PRIMO TEMPO

Il Castelnuovo parte bene, pressa a tutto campo e mette in difficoltà il Quintano grazie ad una maggiore vivacità. I biancoverdi vanno addirittura vicini al gol in due occasioni: prima con un gran tiro del Seba respinto dall'estremo difensore ospite, poi con una pericolosa incursione in area del Frank disinnescata a fatica dalla difesa avversaria. Gol sbagliato, gol subito, e alla prima disattenzione il Quintano passa: lancio dalle retrovie, il numero otto controlla, ringrazia e mette in rete. Il Castelnuovo però non si abbatte e subito dopo va vicino al pareggio con lo scatenato Frank, che dopo aver saltato in area mezza difesa perde l'attimo e non riesce a far centro. Molto meglio fa il Mazzoc, pendolino sulla sinistra e rapace in area quando mette in porta il tap-in vincente che vale l'1-1. E sempre il Mazzoc poco dopo potrebbe raddoppiare, ma il portiere ospite gli chiude bene lo specchio.

SECONDO TEMPO

La gara si fa combattuta e maschia, anche un pò nervosa. Il Quintano ci prova un paio di volte: prima Paolo compie un autentico miracolo su un colpo di testa partito da centro area, poi un attaccante lanciato a rete scivola al momento dell'impatto col pallone. Il Castelnuovo decide allora che è il momento di rialzare la testa e, dopo un paio di conclusioni fuori misura di Andrea la missione sorpasso è compiuta: il FRank si incunea in area, salta il portiere, conclude ma il suo tentativo viene letteralmente parato con la mano da un difensore ospite. E' rigore. Nonostante le veementi proteste sulla effettiva distanza del dischetto dalla porta, lo stesso Frank trasforma col brivido, portando i suoi finalmente in vantaggio. Nei pochi minuti che rimangono i biancoverdi potrebbero passare di nuovo, ma le azioni non si concretizzano e, dopo un recupero fiume, l'arbitro fischia la fine decretando il successo degli uomini di Ghisoni.

Ivo ha detto...

Se continuo così sì, ma adesso ho assunto i preparatori di Ronaldo e Cassano per rimettermi in forma in tempo per i Mondiali 2010.

Anonimo ha detto...

il presidente
grandissimi ragazzi e domenica si replica. Lester sei il migliore.

seba ha detto...

Quel che è giusto è giusto.
(E non perchè mi ha dato 7 in pagella).

Fonto, voto 7.
Salva la vittoria a una manciata di minuti dal termine togliendo dai piedi dell'attaccante del Quintano la palla del 2 a 2. Intervento che vale come un gol. Chi ce l'ha al fantacalcio, dunque, 7+3=10.